Piazza Cavour

 

 

 

DOWNLOAD

GIORNALINO

 

 

LINK

 

Programma PD

 
 

AREA Pd Zona

Inserire la Password

Calendario Eventi

NewsLetter







GIORNI E ORARI DI APERTURA DEL CIRCOLO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

www.pdbareggio.it
Relazione politica Bilancio 2016-18 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 02 Maggio 2016 21:47

Bilancio comunale preventivo 2016 e triennale 2016/2018

Dichiarazione comune di voto dei gruppi consiliari di maggioranza

Partito Democratico – Io Amo Bareggio – Gruppo Misto

Il bilancio preventivo per l’anno 2016 e per il triennio 2016-2018 ha una forte connotazione sociale, frutto della sensibilità politica della Giunta e della maggioranza politica e consiliare che la sostiene.

Vengono investiti nel sociale oltre un milione e mezzo di euro (ben centomila in più dell’anno passato) per sostenere le difficoltà delle famiglie e delle fasce più deboli della nostra comunità.

Vengono mantenuti i servizi pur in un contesto economico e finanziario che fa registrare sempre minori trasferimenti da parte dello Stato agli Enti locali. E ciò avviene senza accrescere il contributo a carico dei cittadini.

Si investe sull’educazione pubblica, mantenendo la terza sezione dell’asilo nido.

Al tempo stesso si sostengono (riconoscendone il ruolo importante) le strutture private paritarie come la scuola Don Fracassi, ed il lavoro educativo e di integrazione degli oratori.

L’eccesso di vincoli vecchi e nuovi non contribuisce di certo alla migliore gestione dei bilanci. Le continue variazioni imposte in corso d’opera; l’incertezza sulle quote di rimborso della TASI; le difficoltà di ripristino della pianta organica (ricordiamo che negli ultimi anni sono venuti a mancare, per motivi diversi, sette dipendenti comunali, e che per problematiche afferenti il ricollocamento del personale della Provincia, ancora non si ha a disposizione la lista delle mobilità possibili): tutte queste non possono certamente considerarsi condizioni trascurabili.  

Ci si augura inoltre che l’introduzione e l’applicazione del nuovo Codice degli appalti, visto come la possibilità di uscire dalla logica del massimo ribasso (logica che in molti casi non ha visto e non vede realizzarsi le aspettative degli Enti pubblici), non portino ad un aggravio di procedure burocratiche ma al contrario possano facilitare l’operato della pubblica amministrazione ed evitare i continui ricorsi.

Insomma, siamo in presenza di un’Amministrazione orientata al mantenimento e – ove possibile – al miglioramento dei livelli qualitativi dei servizi offerti, senza introdurre aumenti tariffari a carico della cittadinanza.

Segnatamente, vengono ribadite tutte le poste di bilancio in ambito sociale, con particolare riguardo e attenzione alle diverse fragilità: contributi per gli affitti e per le bollette di chi vive in condizioni di disagio (sperabilmente momentaneo); bandi rivolti ai giovani e finalizzati alla realizzazione di alcuni loro progetti ed al miglioramento della propria vita nella nostra realtà sociale; reiterazione del progetto di sostegno alla natalità, rimodulando l’intervento pubblico  con maggiore attenzione alle fasce più deboli; conferma dell’attenzione rivolta alle associazioni di volontariato in ambito sociale, ambientale, culturale e sportivo: associazioni che rivestono un ruolo di grande importanza per la nostra comunità.

Come negli anni precedenti, si vuol continuare ad investire nella formazione del personale dipendente per aggiornarne ed innalzarne le competenze, al fine di aumentare la qualità e la diversificazione dei servizi ai cittadini. In questa logica, la digitalizzazione delle pratiche e le procedure di interscambio e di verifica con le necessità degli utenti, sempre più rivolte ad ottenere ed avanzare istanze per via telematica, rappresentano una sfida che la Pubblica amministrazione vuole e deve saper vincere, innovandosi e fornendo le risposte più adeguate.

Si conferma lo stanziamento per il Piano del Diritto allo Studio per l’importo di 80.000 euro che rappresenta di gran lunga il contributo maggiore di tutto il magentino; riconfermando altresì la volontà di rinnovare la convenzione con l’istituto scolastico don Severino Fracassi per pari importo annuo di 38.000 euro ed il contributo per il Centro estivo dell’importo di 15.000 euro.

Si migliora ulteriormente il già buono servizio di mensa scolastica, vuoi sul piano della tipologia e della qualità degli alimenti forniti, vuoi (sia pure limitatamente) su quello del costo dell’appalto oltre all’impegno del gestore ad introdurre migliorie tecniche e strutturali con l’investimento di 250.000 euro.E’ inoltre doveroso per noi sottolineare i vantaggi che deriveranno dal nuovo appalto per il servizio di raccolta rifiuti: vantaggi di ordine economico, finanziario ed ambientale per il nostro comune e per tutti i cittadini, così come evidenziato dal Sindaco e dagli appostamenti di bilancio.

Appare peraltro di grande importanza l’incarico assegnato al P.I.M. per la redazione di un Piano Particolareggiato della viabilità relativamente al tratto dell’ex Statale 11 compreso tra via Torino e via Falcone ed al comparto immediatamente a sud e a nord del tratto medesimo; piano rispondente agli impegni assunti dall’Amministrazione per migliorare la viabilità e finalizzato in termini propedeutici alla realizzazione del Piano Generale del Traffico Urbano.

Vogliamo anche sottolineare l’importante investimento per l’adeguamento degli impianti termici della scuola elementare di San Martino che risolverà definitivamente le problematiche di inquinamento esistenti, eliminando le caldaie a gasolio.

Significativi sono inoltre gli interventi programmati per la realizzazione di un servizio igienico per disabili nella struttura municipale, servizio che potrà anche soddisfare le esigenze dei frequentatori del mercato settimanale.

Con il progetto di riqualificazione della via Santo Stefano la Giunta fornisce finalmente una risposta alle legittime istanze dei cittadini residenti.

Con il progetto di sistemazione definitiva di alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica per l’importo di 52.000 euro l’Amministrazione comunale evita interventi tampone e dà un contributo al miglioramento delle condizioni di precarietà in cui vivono le famiglie interessate.

Nel campo della sicurezza, nonostante il venir meno del finanziamento regionale, si implementeranno le postazioni di telecamere di nuova generazione in località Brughiera e via Matteotti al fine di identificare gli automezzi che attraversano il territorio urbano sprovvisti di assicurazione e revisione.

Infine, appare giusto anche per noi sottolineare, come peraltro già fatto dal nostro Sindaco, che è molto importante dare impulso alla collaborazione tra diverse entità comunali al fine di perseguire obiettivi comuni quali ad esempio: il miglioramento dell’efficienza delle Polizie locali; la formazione in materia di procedure per i controlli ambientali; l’edilizia; la problematica della violenza di genere; il coordinamento in orario serale-notturno delle azioni di prevenzione di guida pericolosa; le azioni finalizzate alla tutela dei consumatori. Tutto ciò sarà possibile grazie al comune impegno assunto con il Patto dei Sindaci.

Concludiamo, dichiarandoci decisamente soddisfatti per il lavoro svolto dalla Giunta con il concorso tecnico della struttura comunale. Un lavoro non facile e certamente condizionato da obiettive difficoltà non riconducibili alle volontà politiche dell’Amministrazione e di questa maggioranza consiliare.

Siamo convinti di avere agito e di agire per il bene esclusivo della nostra comunità, dei cittadini e delle famiglie bareggiesi, e vogliamo continuare a farlo.

Nel ribadire il nostro pieno sostegno al Sindaco Lonati e alla Giunta comunale, esprimo a nome di tutti i gruppi di maggioranza il voto favorevole al Bilancio preventivo 2016 e triennale 2016-2018.

             

Gruppi consiliari PD-IAB-MISTO

Bareggio, 29 aprile 2016

         

 

 
Bilancio 2016 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 13 Aprile 2016 07:47

Il giorno 14 aprile alle 21.00, nella sala consiliare di via Marietti, il bilancio verrà presentato alla cittadinanza.

 

Le difficoltà di questi tempi si sono fatte sentire, nonostante ciò, questa amministrazione ha dimostrato forza sul territorio.

Abbiamo garantito i soldi alla scuola, salgono i fondi per le associazioni che operano nel sociale e ci sono 93mila euro per la sicurezza.

Il sindaco Lonati ha ribadito:"Abbiamo fatto il massimo conle risorse disponibili. Siamo forti e compatti".

Il segretario del PD Vitantonio Pierro ribadisce:"La minoranza si metta il cuore in pace, abbiamo intenzione di rimanere al governo di Bareggio fino al 2018, come PD confermo il pieno sostegno a sindaco e Giunta".

Imporanti le parole dell'assessore al bilancio Marco Gibillini:"Tra quanto non incassiamo più dall'abolozione della Tasi sulla prima casa e

dai trasferamenti statali, abbiamo a disposizione circa 400mila euro in meno rispetto all'anno scorso, qundo avevamo già subìto un taglio di 750mila euro", fa saper Gibillini, "Per ammortizzare questo mancato introito, l'anno scorso abbiamo recuperato 300mila euro grazie alla lotta all'evasione e quest'anno puntiamo a recuperarne altrettanti".

Come già accenato prima sono aumentante le risorse nel sociale, l'assessore Liviana Santi, a proposito ha detto:"Tra contributi e convenzioni passiamo da 65mila euro a 75mila euro e per il sociale in generale, abbiamo a bilancio un milione e mezzo di euro, 100mila euro in più rispetto all'anno scorso". 

Secondo il primo cittadino, di più non si poteva fare:

"Dal punto di vista economico, siamo nel periodo peggiore dal dopoguerra, facciamo il massimo con le risorse disponibili, basti pensare che abbiamo 80 dipendenti comunali, bisognerebbe averne uno ogni 145 abitanti, noi siamo a uno ogni 220 ".

Abbiamo fatto molte cose, altrettanti sono ancora da fare e realizzare, non ci fermeremo mai davanti alle difficoltà, siamo uniti e compatti e volgiamo fare ancora molto per Bareggio, da qui fino al 2018.

La sfida è difficile, ma tutti quanti siamo sicuri che insieme ce la faremo.

Appuntamento giovedì 14 aprile alle 21.00, nella sala consialiare di via Marietti.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Aprile 2016 09:24
 
La Pagliuzza e la trave PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Domenica 20 Marzo 2016 14:53
Ultimo aggiornamento Domenica 20 Marzo 2016 14:56
 
Viabilità e exSS11 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 10 Marzo 2016 15:42

Penso che la prerogativa amministrativa ma anche politica delle Amministrazioni  interessate maggiormente dall’attraversamento viabilistico della SS11, ( Sedriano, Bareggio e Cornaredo), sia quella di valutare gli effetti negativi che essa provoca sul complesso della mobilità urbana locale in tutte le componenti, al fine di scongiurare possibili esternalità negative.

Ho appreso con rammarico la decisione dell’amministrazione a 5 stelle del Comune di Sedriano che considera il progetto ormai una utopia irrealizzabile. Credo pero’ visto il riferimento alla mancanza di finanziamenti di citta’ metropolitana, che proprio una condivisione del progetto dei tre Comuni puo’ essere l’indispensabile punto di partenza politico per alzare il livello dell’attenzione e delle prioita’. Non si tratta di illudere i cittadini ma di non arrendesi ad una idea che mette come priorita’ il benessere dei nostri cittadini e per quanto riguarda l’Amministrazione di Bareggio e quella di Cornaredo ci crediamo ancora.

Occorrerebbe intervenire in modo tale da non escludere a priori la realizzazione della variante, attraverso un approccio che vede l’ottenimento di migliorie nell’immediato, ma predisponendosi in prospettiva futura.

Occorre avere la fotografia aggiornata delle esigenze / criticta’ per poter intervenire in modo strutturale e quindi migliorare le condizioni della circolazione per tutte le componenti della mobilità.

Per questo e’ stiamo per dar seguito all’Iter per dotarci di una collaborazione tecnico-scientifica alla stesura del Piano Generale del Traffico Urbano, ( PGTU) con priorita’ del Piano Particolareggiato SPexSS11 nel tratto compreso fra le vie Torino e Morandi.

Questo lo faremo con la necessità di provvedere a una più complessiva riorganizzazione del traffico urbano, in tutte le sue componenti, anche provando a disincentivare il traffico veicolare (in particolare quello parassitario) ed incentivando in sicurezza la mobilità dolce (pedoni e cicli).

 

 

Ass.re Lavori pubblici

Ivan Andrucci

 
La Central..INA...INA PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 23 Dicembre 2015 15:12

 

Son passati circa 20 giorni dal consiglio Comunale sull'assestamento di bilancio e il mio intervento in risposta all'emendamento prodotto dalle lista civica Voi con Noi, riguardo a una variazione per l'acquisto di una centralina da installare sulla SS11 per la misurazione dello smog, andava nella direzione per capire la modalita' piu' opportuna sia organizzativamente che economicamente parlando, di modo da intrapprendere un percorso, (anche servendoci dei dati che ci fornirà l’attuale stazione mobile), insieme ai feedback politici, (pd metropolitano), che ci avrebbe permesso di essere ancora più consapevoli sul come, quando e se, mettere in budget per il 2016 l’acquisto di una nostra centralina.

 

Circa 8 giorni prima dell'ultimo consiglio comunale del 18 dicembre, "Voi con Noi", non curante del mio intervento precedente, protocolla una mozione nella quale chiede di impegnare la Giunta per deliberare entro 90 giorni le modalita' e reperire le risorse finanziarie per l'acquisizione di una centralina.

Al di la' delle tempistiche richieste per prendere questo impegno, per poter decidere ho avuto 5,6 giorni utili per recupera tutte le informazioni e i pareri, ma soprattutto avviare un eventuale iter politico, che certamente a 5 giorni dal consiglio comunale, non ci avrebbe permesso di capire come, quando e se raggiungere questo obiettivo.

 

In ogni caso, sempre compatibilmente con i tempi mi sono attivato su piu' fronti, per recuperare informazioni sufficenti da sottopore al Consiglio :

 

  • Mi sono attivato con Alcune societa multinazionali leader del settore, quindi secondo un canale privato,
  • Mi sono attivato con Arpa sia per avere dei pareri tecnici ma anche economici.
  • Mi sono attivato a livello di Citta' metropolitana.

 

I feedback provenienti dal canale privato sono:

Preventivo alla multinazionale "Project Automation".

Che per la vendita di uno strumento che svolge la doppia funzione (campionamento e misura) delle polveri (sia la frazione PM10 sia, cambiando la testa di prelievo inclusa nell’offerta, la PM2,5 ) includendo :

 

  • datalogger – sistema di acquisizione EcoRemote,
  • cabina di dim. 1600x1600x2500,
  • 2 anni di servizio di manutenzione.
  • La cifra si aggitra intorno ai € 37.500,00 + IVA.

 

Se poi si amplia la fornitura, includendo le 4 misure NECCESSARIE per avere un quadro completo, NOX (monossido di azoto), CO (monosido di carbonio), O3 (ozono) e BTX (composti organici volatili), si sarebbe dovuta utilizzare anche una cabina più grande (dim. ca. 2500x3000x2500) nonché la strumentazione. In questo caso la cifra di acquisto si aggira intorno ai € 150.000,00 + IVA, con 2 anni di manutenzione inclusa.

 

Se si avesse voluto invece contenere il prezzo, sarebbe stato possibile pensare ad una configurazione senza il BTX e soltanto con le misure di polveri, NOx, CO, O3. In questo caso e' ancora utilizzare la cabina più piccola (1600x1600x2500), e il prezzo si aggira intorno ai 100.000,00 + IVA, sempre con 2 anni di manutenzione.

 

Il prezzo per un anno di noleggio (durata minima) di una cabina 1600x1600, configurata con polveri, NOx, CO, O3, comprensiva di manutenzione è di € 50.000,00 + IVA.

 

 

I feedback riguardo un preventivo -- ARPA - -

centraline fisse il costo del guscio stazione più allestimento è di circa 25.000 € oltre la strumentazione, che costa circa:

• 12.000 € per un NOx, monossido di azoto

• 22.000 € per un PM10 automatico;

• 8.000 € CO monosido di carbonio

• 8.000 € O3; ozono

• 20.000 € BTX composti organici volatili

• 15.000 € datalogger.

 

Quindi per una stazione fissa completa il costo è di circa 110.000 € oltre IVA.

Sommando i costi di telefono, corrente, manutenzione strumenti, validazione e diffusione dati, controllo e assicurazione di qualità va previsto un costo annuo di circa 20-25.000 € (a seconda della strumentazione) oltre IVA.

Quindi saremmo intorno ai 120.000€

 

Nota tecnico scientifica: Direttore Settore Monitoraggi Ambientali Arpa Lombardia, BELLINZONA SILVIA .

"Le valutazioni della qualità dell'aria previste dalla legge e operate da ARPA sono finalizzate a conoscere le concentrazioni degli inquinanti atmosferici presenti al fine dell'adozione da parte delle autorità competenti di adeguati provvedimenti di riduzione delle emissioni finalizzate a conseguire il rispetto degli standard ove non rispettati o il mantenimento degli stessi ove già buoni." .

 

"La rete di rilevamento, così come disegnata, è finalizzata a dare alle autorità competenti le informazioni sul range di concentrazioni presenti in una determinata zona. La normativa, al proposito, prevede che il territorio sia diviso in aree di riferimento e i livelli di qualità dell'aria presenti sono quindi fotografati non da singole centraline, presenti sul territorio Comunale o meno, ma dall'insieme delle stazioni della zona, nella loro variabilità."

 

"Da questo però non consegue che è necessario rilevare la qualità dell'aria in ogni strada di ogni Comune. Al di là dell'impossibilità pratica, ciò non aggiungerebbe informazioni utili a quelle già disponibili. In prossimità di sorgenti simili, con orografia e topografia paragonabile, le concentrazioni rilevate che si troverebbero sarebbero del tutto assimilabili a quelle misurate in stazioni già presenti. L'importante è che le misure, nel loro insieme, siano in grado di cogliere la variabilità delle situazioni. Tutto ciò ovviamente è codificato nella normativa europea (Direttiva 2008/50) ed italiana (D.Lgs. 155/10) "

 

 

 

In estrema sintesi, considerato che Arpa e' l'unico organismo che ha autorità competente per rivolgersi alla regione o al ministero dell'ambiente, e se non si intraprende un percorso congiunto con essa, noi come Comune potremmo correre il rischio di affrontare una spesa di 120 mila euro di soldi dei cittadini, per avere dei dati che poi non avrebbero quella autorevolezza per essere considerati all'interno dei criteri e dei metodi di misura dell'organismo principe che è ARPA. Figuriamoci se acquistassimo una centralina da 35 milaeuro che misura solo il PM10...

 

E comunque sul sito ARPA si possono scaricare giornalmente i valori d'inquinamento di Bareggio come di Magenta al link che mi ha mandato l'ass. Salvaggio   QUI

 

Pertanto venendo al deliberato della mozione, i termini indicati in 60 giorni per il recupero delle risorse finanziarie non erano perseguibili e conseguentemente anche il termine proposto di 90 giorni per l’acquisizione della centralina non poteva essere congruo tenuto conto delle procedure da effettuare con gara pubblica.

 

In ogni caso ho detto che l’Amministrazione vuole intrapprendere un percorso politico cominciato ufficialmente mercoledì 16 dicembre scorso con il referente e consigliere metropolitano del settore ambiente della citta' metropolitana, Anna Scavuzzo, con l'obiettivo di sensibilizzare Arpa, anche impugnando le ultime misurazioni fatte dalla centralina mobile, per far considerare Bareggio come nuovo punto nel prossimo aggiornamento della rete mappale di analisi ARPA, anche attraverso una forma di paternariato economico.

 

Aderendo inoltre al protocollo tra citta' metropolitana e i Comuni ricadenti nel suo territorio, e le conseguenti AZIONI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL’ARIA E IL CONTRASTO ALL’INQUINAMENTO ATMOSFERICO LOCALE.

 

E quei circa 120 milaeuro per una centralina seria, li avrei aggiunti a quelli che mancherebbero ancora per andare a sostituire le caldaie ancora a gasolio delle plesso scolastico di San Martino.

 

Riguardo alla mozione mi è stato detto dalle opposizioni che non c'è stata la volontà politica ne una sensibilita' per la salute dei cittadini .

Io rispondo dicendo che la volonta' politica deve andare per lo meno di pari passo con la consapevolezza, ( parerei scientifici), se no la politica puo' fare i danni, fare una cosa e poi costatare che serve poco o non serve proprio. 

Purtroppo pero' il livello è stato ancora più basso, perché l'opposizione per provare l'ebrezza di vedere la maggioranza andare sotto durante la votazione di questa mozione, (consapevoli del fatto che il consigliere Galli l'avrebbe votata a favore in quanto dichiarato in precedenza), ha ben è pensato di sperperare circa 50.0000 euro dei cittadini di Bareggio.

Profonda delusione.

 

Ass.re Ambiente Territorio e Lavori Pubblici

Ivan Andrucci

Ultimo aggiornamento Domenica 27 Dicembre 2015 13:24
 
BASTA alle mezze verità costruite su percentuali PARZIALI! PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 23 Dicembre 2015 14:33

 

Pubblichiamo L'articolo redatto dal nostro Assessore al Bilancio, Marco Gibillini 

 

Ancora ultimamente sono arrivati nelle nostre case dei volantini che portano in risalto delle percentuali di aumento della tassazione locale di Bareggio.
Chi li vede è portato a credere che le tasse del comune di Bareggio (IMU, TASI, TARI, ADDIZIONALE) siano aumentate a dismisura e di una percentuale a due cifre! Non è così, sono state prese delle fasce particolari per trasmettere una notizia allarmistica e per fare propaganda politica, che ancora una volta allontana i cittadini.

 

BASTA! Bisogna ricordare che l'amministrazione di Bareggio è fatta di persone che VIVONO a Bareggio e se prendono un provvedimento lo vivono sulla propria pelle, sulla pelle dei propri figli e dei propri genitori. Se le tasse aumentano aumentano anche per loro. Non fa parte di quella categoria che vive sulla politica, anzi deve sacrificare della propria vita privata, del proprio tempo per il bene della comunità. Ciò su cui bisogna valutarli è se i provvedimenti presi li ha presi con un criterio di giustizia oppure no.
Le tasse per i cittadini di Bareggio sono aumentate come per tutti gli altri comuni a me conosciuti che hanno subito i tagli dei trasferimenti statali. L'aumento imputabile amministrazione Lonati dal 2014 al 2015 è del 6.82%.
Le entrate della tassazione locale sono passate da  6'849'445€ del 2014 a  7'558'698€ del 2015, di queste l'aumento IMPUTABILE all'amministrazione è di  467'381€ relativa alla variazione delle aliquote e detrazioni TASI e IMU. Infatti la Tassa dei rifiuti è a totale copertura del servizio, e l'aumento del 5.19% è legato a incrementi fisiologici, e non al nuovo appalto del servizio in quanto partirà dal gennaio 2015.

 

L'aumento dell'addizionale IRPEF è del 7.37% ed è puramente legato a stime fornite dallo Stato. L'amministrazione Lonati NON ha toccato quelle percentuali né quelle detrazioni.
Se volessi fare propaganda direi: a fronte di un taglio dei trasferimenti del 24.38% .. e mi fermerei qui! Ma il taglio dei trasferimenti parte da una base diversa, e quindi poco confrontabile anche se VERO.
Bisogna ricordare che Bareggio offre dei servizi ai cittadini (servizi a domanda individuale), servizi che sono parzialmente pagati dai cittadini. Anche le prestazioni per questi servizi NON sono state aumentate dall'amministrazione Lonati.


Sostanzialmente l'aumento delle entrate è legato alla variazione dell'aliquota della TASI passata dallo 0.20% allo 0.25% mantenendo delle detrazioni. L'amministrazione poteva lasciare il 0.20% e togliere le detrazioni, avrebbe fatto propaganda dicendo "non abbiamo toccato l'aliquota", non l'ha fatto, ha mantenuto le detrazioni e aumentato l'aliquota, facendo ciò che riteneva  più GIUSTO, tutelare le fasce più deboli (con i mezzi a disposizione), e sapendo che ci sarebbe stato qualcuno che gli avrebbe sputato addosso la SUA verità con dei volantini di propaganda.


Facciamo anche un confronto con TUTTI i comuni limitrofi (e anche un po' più in là), vediamo quali percentuali hanno di TASI sull'abitazione principale:
Cornaredo 0.30%, Cusago 0.25%, Cisliano 0.25%, Vanzago 0.29%, Sedriano 0.25%,Vittuone 0.25%, Pregnana Milanese 0.33%, Settimo Milanese 0.29%, Corbetta 0.25%. Ma guarda un po' il comune di Bareggio ha l'aliquota più bassa: 0.25%! .. ed ha le detrazioni!


Un ultimo sassolino su quei 90'000€ utilizzati per esigenze abitative e per sostegno alla genitorialità. 90'000€ fanno parte di un intervento ben più ampio legato a una ricognizione fatta su tutte le entrate e uscite del comune, circa 12'000'000€ stiamo parlando dello 0.75% del bilancio del comune.


In questa ricognizione vi sono anche i trasferimenti statali, a giugno iscritti a bilancio preventivo per 651'076€, mentre a ottobre 2015 fissati dal MINISTERO a 737'663€, ma guarda un po' 86'587€ in più a disposizione che non dipendono dagli amministratori di Bareggio. L'amministrazione poteva lasciarli in avanzo magari fingendo di non averli visti, oppure restituirli ai cittadini nel mese di DICEMBRE 2015.

 

Ha deciso di restituirli ai cittadini, non poteva farlo riducendo le tasse perché le delibere legate alle imposte locali doveva farle entro Luglio 2015.

Quindi ha trovato altre soluzioni, non le migliori in assoluto, ma quelle che avrebbero consentito di sfruttarle nel mese a disposizione degli uffici. E chiariamo un punto, perché certe insinuazioni pesano, in giunta non c'è nessuno che godrà del Bonus Bebè!

In realtà tutti componenti della giunta stanno subendo le critiche per come sono stati restituiti, ma l'importante (e giusto) è che queste risorse siano ritornate ai cittadini! 

 

Marco Gibillini

 

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 23 Dicembre 2015 14:42
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 25

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information