Piazza Cavour

 

 

 

DOWNLOAD

GIORNALINO

 

 

LINK

 

Programma PD

 
 

AREA Pd Zona

Inserire la Password

Calendario Eventi

NewsLetter







GIORNI E ORARI DI APERTURA DEL CIRCOLO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

www.pdbareggio.it
Aggiornamenti sul Centro sportivo G.Facchetti PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 06 Febbraio 2015 09:11

L’attivita’ delle associazioni che frequentano il centro continua. nessuna interruzione nel passaggio dal precedente gestore (che ha terminato l’attivita’ il 31 dicembre scorso), alla ripresa in carico da parte del comune,  a seguito della procedura di affidamento  del centro sportivo andata deserta. riteniamo che il periodo di crisi economica di sicuro non agevola le operazioni di affidamento, ma stiamo procedendo, nel rispetto della normativa ed a garanzia del proseguo delle attivita’ sportive che vi si svolgono, al confronto con le associazioni sportive interessate alla gestione.

Per fare un po’ di chiarezza, di fronte ai continui tentativi di mischiare le carte e di strumentalizzazione, mi preme far notare che mai come nella stesura di questo bando sono state inserite tutte le indicazioni e richieste che le associazioni sportive del territorio e la consulta dello sport hanno presentato negli ultimi anni ed in piu’ occasioni. precisamente,  i lavori di coibentazione/potenziamento caldaia per rendere adeguata la temperatura della tensostruttura e blocco di spogliatoi da realizzare contigui alla tensostruttura.

Interventi ai quali abbiamo aggiunto la riqualificazione degli spazi esterni – campo da tennis e pista di pattinaggio - abbiamo mantenuto l’obbligo in capo al gestore di riservare 18 ore settimanali alle associazioni del territorio, come richiesto dalle stesse ed aperto il bando, tra gli altri, alla partecipazione delle societa’ ed associazioni sportive dilettantistiche, come richiesto in una lettera indirizzata dall’allora presidente della consulta sport Simone Ligorio alla’amministrazione Gibillini, a nome della consulta dello sport. qualcuno insiste nel sostenere che avremmo dovuto permettere la realizzazione di un’opera sull’attuale parte di terreno libera, per consentire un maggior introito e quindi maggiore interesse nel prendersi a carico la gestione del centro.

Ed allora chiedo, come mai questa operazione tentata dalla precedente amministrazione e’ totalmente naufragata producendo un bando che e’ andato deserto? credo sia importante far tesoro dell’esperienza passata per non ricadere negli stessi errori. e mi chiedo altresi’, se il problema e’ di tipo economico, come fa un operatore a rischiare ancor di piu’ in un’impresa di costruzione di un’opera da zero, che implica ovviamente un importante investimento e nessuna garanzia sui risultati?

Concludo, ricordando che la giunta, valutando il piano economico-gestionale del centro facchetti, ha ritenuto idonea la durata decennale della convenzione con il gestore, considerando l’abbattimento dei costi di gestione, stimati in ribasso del 30%  dovuti alla riqualificazione della struttura ed alzando l’importo del corrispettivo al concessionario ad euro 30.500,00 in modo da supportarlo nell’onere richiestogli.

 

Saluti

Assessore Tagliani

Ultimo aggiornamento Venerdì 06 Febbraio 2015 09:49
 
L'Ass.Tagliani sul doposcuola PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 05 Febbraio 2015 08:38

 

 

In relazione all’interrogazione sul “Doposcuola” presentata dal NCD, corre l’obbligo ricordare che in più sedute di Consiglio Comunale si è affrontata la tematica e comunicato l’andamento del progetto (per es. nella seduta del 30 SETTEMBRE scorso), forse non si ricordano. Il tavolo doposcuola si è riunito in data 19 FEBBRAIO 2014, alla presenza delle istituzioni scolastiche del territorio, il parroco Don Luigi, Forum delle Famiglie, Coop. Futura  e Coop. Albatros, le responsabili del settore istruzione e del settore famiglia e solidarietà, l’ass. TAGLIANI e l’ass. LAMPUGNANI. L’incontro è servito per scambiarsi esperienze, confrontarsi sulle possibili soluzioni per Bareggio e valutare l’attività dei compiti svolta dagli oratori  a S,Martino. Qui, si è deciso di comprendere meglio il contesto bareggese in termini di necessità e/o interesse al doposcuola attraverso un’indagine somministrata alle famiglie dei futuri alunni della scuola secondaria di primo grado e delle classi già frequentanti la scuola secondaria. Questa strada è stata condivisa anche dal gruppo di genitori referenti per l’avvio di un doposcuola. Il tavolo si è riunito una seconda volta in data 15 Ottobre per la visione del questionario. Dalla discussione è emersa la proposta di inserire sicuramente tra le attività, quella dei compiti, sgravando così dell’incombenza i genitori che già tornano tardi dal lavoro e l’ipotesi di far partecipare le associazioni del territorio , affinchè apportino la loro specifica competenza ed il loro sapere, nell’ambito delle attività pomeridiane che andrebbero ad intrattenere gli studenti frequentanti il servizio. L’indagine ha messo in luce 30 famiglie potenzialmente fruitrici del doposcuola per il prossimo anno scolastico. Sentendo nuovamente i genitori interessati e la commissione istruzione, abbiamo avviato le pre-iscrizioni al servizio di post-scuola per la secondaria di primo grado, che si articolerebbe su tutti i pomeriggi della settimana che non vengono occupati da attività scolastiche e su scelta dei genitori – i quali potranno optare per uno o più pomeriggi. La modulistica è reperibile sul sito comunale o presso l’ufficio scuola. I moduli sono sottoscrivibili sino al 16 Febbraio ed il servizio sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di 15 iscritti. L’attività  dei compiti pomeridiani svolta dagli oratori sinora non sarà trascurata, ma al contrario valorizzata e se sarà fattibile integrata all’attività di doposcuola. Per l’anno 2014 appena trascorso abbiamo erogato un contributo di 500 euro, quale riconoscimento per l’attività svolta presso l’oratorio di S.Martino ed altrettanto proporremo per il 2015. Da ultimo, l’importo di 5000 euro, come già spiegato in consiglio comunale, inizialmente previsto per il 2015, era legato ad un progetto promosso dal piano di zona, molto ampio, tra le cui iniziative avrebbe dovuto inserire anche quelle di doposcuola. Per la parte legata al doposcuola non è stato presentato nessun progetto dalle realtà del territorio, che avevano titolo per partecipare e promuovere l’iniziativa. Era inevitabile pertanto stornare le risorse, che sarebbero state inutilizzate ed inoltre dovevamo ottemperare all’obbligo normativo di tagliare le spese.

 

 

Saluti.

Assessore Tagliani

 
L'Ass Stellardi risponde a M5S sul bando rifiuti. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 04 Febbraio 2015 23:54

 

 

In risposta al Movimento 5 Stelle di Bareggio riguardo al loro articolo "Rifiuti, prepariamo un esposto" , qui di seguito pubblichiamo la risposta dell'Assessore Egidio Stellardi.

I grillini affermano che la proroga di altri sei mesi per gli appalti connessi ai rifiuti, a seguito della mancata formulazione degli indirizzi per il nuovo bando di gara, costerà alle casse comunali 800mila euro circa.  

 

"Vorrei precisare al rappresentante del M5S che l'impegno e le difficoltà, causa dei ritardi nella definizione del bando di gara, sono riferite al lavoro del personale preposto, costretto a districarsi in una selva di regole e procedure bizantine che, con tutta la buona volontà, richiedono tempi incomprimibili. In una cosa siamo d'accordo: nessun medico ci ha imposto il nostro ruolo, semplicemente la gente di Bareggio ha scelto da chi farsi amministrare...

Per quanto sopra la proroga del servizio rifiuti è stata inevitabile data la sua ovvia essenzialità. Va però chiarito che nessuno, neanche il rappresentante del M5S, può essere certo che il nuovo appalto avrà prezzi più bassi. Saranno i contenuti a determinarne il valore e, di norma, più alto è il livello di servizio richiesto e più si paga. Un modo certo di riduzione dei costi sarà un'ulteriore spinta alla differenziazione dei rifiuti, che resta un obiettivo di civiltà oltre che economico. Per quanto riguarda la spesa perseguiremo con determinazione il suo contenimento nei termini di bilancio, ma è inevitabile un margine di incertezza la cui entità è al momento imprevedibile.

La distribuzione dei sacchi, non lo neghiamo, ha avuto dei disservizi. Come già chiarito più volte si è reso necessario perseguire la sperimentazione in atto nel 2014. Essa prevede che il cittadino, in date stabilite, ritiri il materiale presso un sito comunale presentando la ricevuta di pagamento della prima rata TARI. Tale metodo ha fatto emergere l'evasione della tassa ed evitato il “furto” dei sacchi da parte di alcuni a scapito di altri cittadini, soprattutto nei condomini.

Colgo l’occasione per informare che la stesura della gara e gli atti conseguenti sono stati affidati ad ANCI Energia &Ambiente, che è il settore dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani che si occupa della tematiche ambientali ed energetiche, quindi dalla parte dei Comuni.

I fatti denunciati dal consigliere Ligorio in merito alla società Aimeri Ambiente si riferiscono alla zona di Trapani. Fonti giornalistiche riferiscono del rinvio a giudizio del direttore Area Sud di Aimeri, dell'ex direttore ATO Trapani1 e di alcuni vertici di Sicilfert. Ebbene, la Aimeri Ambiente risulta tutt'ora inserita nella White List della Prefettura garante dei controlli anticrimine, quindi val la pena ricordare che la responsabilità penale è personale e che essa può incidere sugli affidamenti solo nei limiti di quanto previsto dalla legge, non oltre.

Detto questo, vero che l’opposizione deve “vigilare” sull’operato dell’Amministrazione ma il clima di inquisizione non favorisce certo, il lavoro di tutte le persone che ogni giorno svolgono il loro dovere e si impegnano per avere una Bareggio migliore!"

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 05 Febbraio 2015 00:04
 
Momenti Assemblea annuale PD Bareggio 24-01-2015 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 24 Gennaio 2015 20:49

 

 

Relazione del Segretario, Ivan Andrucci

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento Sabato 24 Gennaio 2015 21:08
 
Assemblea Annuale Iscritti PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 13 Gennaio 2015 15:55

ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI
SABATO 24 GENNAIO DALLE ORE 14,30
CENTRO POLIFUNZIONALE M. L. KING -VIA GALLINA 38 – BAREGGIO

Carissime, carissimi,
con il nuovo anno, vogliamo fare insieme a voi il punto in merito alla nostra attività politica ed istituzionale .
Per questo siete tutti invitati a partecipare alla riunione annuale degli iscritti che si svolgerà secondo il seguente ordine del giorno:


- Dalle ore 14,30 alle ore 16,00 circa: riflessione sulle questioni
locali, con la relazione del segretario di Circolo, Ivan Andrucci,
seguito dal contributo del Sindaco di Bareggio, Giancarlo Lonati, e
da altri eventuali interventi degli eletti nelle istituzioni e degli iscritti.

- Dalle ore 16,00 alle ore 18,30 circa: riflessione sulle questioni generali del lavoro (Jobs act), della legge di stabilità e delle riforme in corso d’opera, con la partecipazione ed i contributi dei parlamentari democratici ELEONORA CIMBRO E VINICIO PELUFFO nonché dei dirigenti democratici territoriali MARCO RE e FRANCESCO GIUBILEO, che ringraziamo per la loro cortese disponibilità.

- Dalle ore 19,00 circa: CENA A BUFFET organizzata dal Circolo Pd “25 Aprile” con finalità conviviali e di autofinanziamento. Ai partecipanti è richiesto un contributo economico minimo di Euro 10,00 cadauno (è gradita la prenotazione per motivi organizzativi).
Siamo certi di poter contare sulla vostra attenzione e partecipazione e, in attesa di potervi incontrare, cogliamo l’occasione per augurare nuovamente a tutti voi e alle vostre famiglie un sereno 2015.

Bareggio, 9 gennaio 2015
il segretario: Ivan Andrucci

 

Ultimo aggiornamento Martedì 13 Gennaio 2015 15:59
 
Buon 2015 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 31 Dicembre 2014 12:45

Ogni anno, il tempo ci dice puntualmente una cosa: è possibile ri-iniziare, anzi, inziare, ogni giorno quando ci si alza per mettere mano alla giornata e provare a non subirla.

Siamo principianti assoluti.

Ecco, dovremmo prendere sul serio che ci da il momento della fine di un anno faticoso (il sesto dentro la crisi) e che ci impone un cambiamento urgente, necessario. Ci impone di scrivere pagine nuove con il nostro impegno e con il nostro desiderio di giustizia per cambiare un Paese stremato, diseguale, prima che i cambiamenti dell’economia e della politica dello spreco, che comunque avvengono dentro le città e i territori, cambino noi e spengano i nostri desideri e la nostra voglia di fare. Una voglia e un desiderio ancora imponenti.

Sappiamo ormai bene che al nostro desiderio di cambiamento e di giustizia non ci penserà  del tutto lo Stato o ci penseremo noi, mettendoci in gioco senza paura, scrivendo pagine nuove ed uscendo dai recinti, oppure dovremo rassegnarci anche di fronte ai bisogni più urgenti che viviamo e che la realtà ci propone.

Un inizio che vogliamo fare insieme a tutte quelle esperienze e realtà che non si accontentano dell’autoreferenzialità, non si sentono protette, che pensano di avere molte cose da migliorare e da imparare, perchè si sentono portatori di una storia significativa ma che ha ancora molto da diree da imparare incontrando la realtà e gli altri.

Una convocazione, non per chiedere soldi, non per chiedere condizioni più favorevoli (cose che certo occorrerebbero), ma perchè insieme si metta al lavoro per trasformare il nostro Paese, le nostre città, i nostri quartieri in un posto dove i problemi e le difficoltà possono essere combattuti non con le buone intenzioni, ma con le buone idee, con la capacità di lavorare insieme e con l’impegno a rendere quelle idee delle azioni concrete. Cooperando

Dove la miglior protesta è trovare soluzioni vere e positive, risolutive ai problemi e dove la miglior battaglia da combattere è quella di fare un buon lavoro facendo qualcosa in più del proprio dovere. Dove l’indignazione si cura con la dignità, mettendo in campo percorsi che ridanno dignità, occorre ridare dignità all’impresa, ai territori, alle nostre vite, curando davvero ciò che ci suscita l’indignazione. Fermarsi all’indignazione non basta più.

Dove non valgono le mille giustificazioni per dire che non vale la pena tentare e quindi bisogna fuggire o ritirarsi, la più grande soddisfazione è restare e realizzare bene il proprio lavoro e le proprie passioni anche a costo di grandi sacrifici.

Tiro le somme di dodici mesi e non sono insoddisfatto di me stesso, eppure se guardo i risultati del mio impegno, personale e professionale, potrei avere molte ottime ragioni per mollare, per cercare un “buen retiro”, per scrivere di cose futili e leggere, per accarezzare il mio splendido gatto e sorridere alla mia compagna guardando un bel film.

Forse il segreto sta nel mezzo, come quasi sempre.

Dobbiamo tutti cercare di vivere bene la nostra esistenza personale, regalandoci momenti di lucida serenità, autentici serbatoi di energie morali e fisiche. Guai a rinunciare al privato, alla sfera delicata dei sentimenti e degli interessi coltivati senza alcun tornaconto di mestiere. I pensieri migliori (almeno mi pare) mi sono pervenuti solo quando sono riuscito a staccare la spina, a recuperare una dimensione meno esposta ai venti di un mondo costantemente inquieto e, spesso, rissoso.

C’è un bisogno assoluto di costruire una rete che non sia la somma di sigle e di entità organizzate (dove inevitabilmente prevalgono i più grossi) ma che diventi un laboratorio delle competenze condivise, che poi serviranno per elaborare strategie vincenti, parole d’ordine, obiettivi concreti e ripetibili, modelli di progettazione sociale economicamente sostenibili e vincenti, emulazione senza gelosie né invidie. Una piattaforma del meglio. Il mondo che vorremmo, senza essere Don Chisciotte, ma neppure miseri mercanti di elemosine.

Ce la possiamo fare. Buon anno, amici. Andiamo avanti.

“Avanti” è per me la parola del 2015.

 

Ivan

 

 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 6 di 25

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information